HomeChiaretto, Eventi • 26 giu 13

Il Chiaretto a BereRosa il 27 giugno a Roma

Il Bardolino Chiaretto protagonista a Roma giovedì 27 giugno a BereRosa, la manifestazione interamente dedicata ai vini rosati italiani organizzata dalla rivista Cucina & Vini nei saloni e nei giardini di Palazzo Brancaccio, prestigiosa location nel centro della capitale. Saranno circa 160 le etichette di rosati in degustazione, provenienti da una settantina di aziende: tra queste, numerose cantine della sponda veronese del lago di Garda, coordinate dal Consorzio di tutela del Bardolino, per affermare la leadership produttiva e qualitativa del Chiaretto nel contesto dei rosé italiani. Con circa 10 milioni di bottiglie prodotte annualmente (erano la metà solo sei anni fa), il Bardolino Chiaretto è infatti salito al vertice della produzione italiana di vini in rosa a denominazione di origine, staccando il Cerasuolo d’Abruzzo, che si attesta attorno ai 6,5 milioni di bottiglie (la terza regione produttrice, la Puglia, ha soprattutto vini rosati a indicazione geografica, in particolare nell’area del Salento). Ma l’ascesa quantitativa del Bardolino Chiaretto è stata accompagnata anche da una decisa crescita qualitativa, attestata dalla critica nazionale ed estera. Al recente Mondial du Rosé, il concorso enologico internazionale organizzato a Cannes, capitale del rosé transalpino, dall’associazione degli enologi francesi, l’Italia ha ottenuto tre medaglie d’oro, tutte e tre appannaggio di aziende produttrici di Bardolino Chiaretto (due ori a Benazzoli, uno ai Fratelli Zeni). Il Chiaretto è salito sul podio anche al concorso enologico nazionale dei vini rosati, tenutosi in Puglia (di nuovo Benazzoli). All’edizione 2013 del concorso enologico della Camera di commercio scaligera, Verona Win Top, i Chiaretti premiati sono stati ben tredici, pari all’1a% dell’intera produzione veronese giudicata d’eccellenza (hanno ottenuto il premio Villa Medici, Tamburino Sardo, Tenuta La Presa, Lenotti, Enzo Righetti, Valetti, Fratelli Zeni, Corte Gioliare, Benazzoli, Tinazzi, Tre Colline e due volte la Cantina Castelnuovo del Garda). Anche Antonio Galloni, fino a pochi mesi fa braccio destro del celebre critico americano Robert Parker, ha appena recensito positivamente sulla sua testata Vinous un Chiaretto, attribuendogli il punteggio di 88 centesimi, molto alto perla tipologia (è il Chiaretto de Le Fraghe).locandina-bererosa-new-2013

facebook twitter Pin It

Scroll to top