HomeBardolino, Comunicati stampa • 1 ott 13

Dal 2 al 5 ottobre il Bardolino e il Chiaretto alla Rassegna della Canzone d’Autore del Club Tenco a Sanremo

Immagine 7Per i cultori della canzone italiana d’autore, “L’accolita dei rancorosi” di Vinicio Capossela è un punto fermo. Per quel brano, il cantautore, nato in Germania da genitori di origine irpina, s’è ispirato al libro “La confraternita del Chianti” di John Fante, e nel testo parla di vino, ma non di Chianti, bensì di Bardolino. I rancorosi del titolo, infatti, “camminan di bolina al freddo di prima mattina” e “anche l’alba che li coglie livida di Bardolino porta rispetto e fa un inchino”. Con una simile premessa, il Consorzio di tutela del Bardolino non s’è fatto pregare due volte per cogliere al volo l’opportunità di portare i propri vini, il rosso Bardolino, appunto, e la sua versione rosata, il Chiaretto, alla trentasettesima edizione della “Rassegna della Canzone d’Autore” organizzata a Sanremo dal Club Tenco dal 2 al 5 ottobre 2013. In particolare, il Bardolino e il Chiaretto verranno serviti ogni giorno in esclusiva sia durante gli aperitivi serali della Rassegna, presso il Casinò di Sanremo, sia nel corso dei “Dopo Tenco”, ossia le cene che si svolgeranno al Palafiori di Sanremo, in coda agli spettacoli musicali, alla presenza dei maggiori cantautori italiani.
Dal 2 ottobre, dunque, la canzone d’autore invade nuovamente Sanremo e il Bardolino è al fianco del Club Tenco in alcuni dei momenti clou della Rassegna: dal Casinò al Palafiori, dalla Biblioteca al Museo fino a Palazzo Gentile, sono tantissimi gli appuntamenti che quest’anno animano le mattine e i pomeriggi della kermesse legata al Premio Tenco. “Il legame tra il mondo del vino e quello della canzone d’autore – dice il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Giorgio Tommasi, che tra l’altro è un autentico cultore del genere cantautorale – è piuttosto intenso. Si tratta di due ambiti culturali che da sempre dialogano tra di loro, che stanno bene insieme. Per noi è un piacere e un onore portare i nostri vini a Sanremo”.
Diversi i filoni dell’evento musicale: dai tradizionali incontri aperti al pubblico con gli artisti previsti nelle serate, che saranno distribuiti in parte al mattino e in parte al pomeriggio agli eventi che ricorderanno grandi figure scomparse di recente (Enzo Jannacci, Margherita Hack, don Andrea Gallo) o anniversari (Vinicius de Moraes). Inoltre, ogni giorno sarà proiettato un film legato alla canzone d’autore e ogni pomeriggio finirà con una mezzora musicale seguita da un aperitivo a base di Chiaretto e Bardolino. E poi le cene del dopo concerto, con il vino che scorrerà a fiumi in attesa dell’alba, magari non propriamente livida, ma comunque colorata dai colori del Bardolino.

Tags: , ,

facebook twitter Pin It

Scroll to top